Consiglio di fondazione

 

Competente ed equilibrato.

 

Il Consiglio di fondazione verifica gli obiettivi e i costi dei progetti di Green Cross Svizzera. Il Consiglio di Fondazione di Green Cross Svizzera lavora a titolo onorifico e non percepisce percio’ alcuna indennità. è composto dai membri elencati qui di seguito.

Presidente del Consiglio di fondazione

Béatrice G. Lombard-Martin

Fondatrice del Swiss Russian Forum, esperta in comunicazione

 

“Ogni essere umano è parte di questo pianeta. La natura è il nostro bene più prezioso, che richiede la nostra massima attenzione. è quindi nostra precisa responsabilità lasciare ai nostri figli e alle generazioni che seguiranno un pianeta vivibile!”

 


 

Membri del Consiglio di fondazione

Tony Burgener

Director Glückskette

 

 


 

Roby Tschopp

MBA, Dipl. Ing. ETH

 

“Non abbiamo il diritto di abbandonare alla loro sorte funesta le popolazioni sopraffatte da catastrofi ecologiche di origine umana. Armamento sconsiderato, negligenza industriale o sfruttamento mercantile: le nostre decisioni e il nostro stile di vita incoraggiano, ovunque nel mondo, un’assunzione di rischi sempre più estremi. Pensando alle generazioni future, Green Cross si impone due missioni: riparazione e prevenzione.”

 


Consiglio di fondazione

Béatrice G. Lombard-Martin

Béatrice G. Lombard-Martin

Presidente del consiglio di fondazione

«Ogni essere umano è parte di questo pianeta. La natura è il nostro bene più prezioso, che richiede la nostra massima attenzione. È quindi nostra precisa responsabilità lasciare ai nostri figli e alle generazioni che seguiranno un pianeta vivibile!»

Tony Burgener

Tony Burgener

Membro del Consiglio

«Il lato positivo e quello negativo della tecnologia sono molto vicini l’uno all’altro. Le persone devono assumersi la responsabilità dell’uso sostenibile delle nuove tecnologie. Nel farlo, spesso getta a mare valori e principi come il principio di proporzionalità. Con il suo pensiero a breve termine, mette in pericolo se stesso e l’ambiente. I limiti devono essere tracciati. Per molte persone, questa intuizione arriva troppo tardi. Soffrono le gravi conseguenze dei disastri causati dall’uomo. Un impegno verso queste persone e uno sviluppo più sostenibile del nostro pianeta è all’ordine del giorno.»

Roby Tschopp

Roby Tschopp

Membro del cosiglio

«Non abbiamo il diritto di abbandonare alla loro sorte funesta le popolazioni sopraffatte da catastrofi ecologiche causate dall’uomo. Armamento sconsiderato, negligenza industriale o sfruttamento mercantile: le nostre decisioni e il nostro stile di vita incoraggiano, ovunque nel mondo, un’assunzione di rischi sempre più estremi. Pensando alle generazioni future, Green Cross si impone due missioni: riparazione e prevenzione.»