Acqua-Vita-Pace

Risorse idriche minacciate da agenti tossici ambientali e tossine.

 

Gli agenti tossici ambientali piombo e mercurio, nonché i pesticidi e i radionuclidi rappresentano una minaccia per le acque e per il suolo. Il programma l’Acqua per la Vita e la Pace comprende interventi tecnici, la formazione di gruppi fra la popolazione colpita nonché lo sviluppo e il rafforzamento di capacità istituzionali, misure che promuovono il mantenimento di risorse idriche vitali e l’accesso a un’acqua potabile pulita.

 

Sviluppo di procedure per l’inventariazione e l’eliminazione di vecchi pesticidi in Europa orientale e Asia centrale

 

Nel corso dei decenni, si sono accumulati a livello mondiale dai 5 ai 10 milioni di tonnellate di vecchi pesticidi, tra cui anche POP (persistent organic pollutants). Per poter tenere sotto controllo i rischi che ne derivano, è necessario assicurare il trasferimento di nozioni specifiche su come trattare in totale sicurezza queste enormi quantità di rifiuti inquinanti e come evitarne in futuro una nuova proliferazione. Il Programma Acqua-Vita-Pace che Green Cross Svizzera sta portando avanti è appunto finalizzato all’adozione di efficaci metodi di gestione degli enormi quantitativi di vecchi pesticidi nell’ex Unione Sovietica.

 

A scopo preventivo, in Europa orientale, nel Caucaso, in Asia centrale e in Africa occidentale vengono realizzati progetti per l’eliminazione di vecchi pesticidi. Gli obiettivi sono i seguenti: informare la popolazione circa i pericoli dei pesticidi, formare esperti in grado di smaltire prodotti chimici in modo sicuro, nonché introdurre alternative al controllo dei parassiti.

 

Introduzione e applicazione della Convenzione di Stoccolma nell’Africa occidentale

 

In Africa occidentale, è dal 2011 che si stanno introducendo le migliori pratiche e trasferendo le necessarie conoscenze affinché la Convenzione di Stoccolma (per la messa al bando delle sostanze chimiche POP) trovi una sua applicazione ideale. I POP (persistent organic pollutants) sono inquinanti organici di lunga durata e ampiamente diffusi su scala mondiale che si accumulano nei tessuti adiposi di ogni essere vivente con pesanti ripercussioni sulla salute.

 

Risanamento di miniere di uranio

 

L’estrazione di uranio per la produzione di energia elettrica e di armi da nucleare si lascia dietro notevoli quantitativi di rifiuti che contaminano il terreno, i fiumi e le acque freatiche. Per proteggere la popolazione, nel Tagikistan si è provveduto al risanamento di una discarica. Inoltre, il governo di quel Paese considera prioritaria la bonifica dell’ex impianto di Chkalovsk per la lavorazione dell’uranio, in quanto progetto di orientamento per il risanamento di altre località contaminate da miniere di uranio. Un’intensa e diffusa attività estrattiva per lo sfruttamento di uranio, piombo e zinco veniva condotta anche in Kirghizistan, dove si sta attualmente lavorando a un progetto per il risanamento dei siti minerari di Sumsar e Shekaftar.

 

Green Cross Svizzera sviluppa e attua il programma l’Acqua per la Vita e la Pace sotto la guida del dr. Stephan Robinson e in collaborazione con Pure Earth (già Blacksmith Institute), UNEP, FAO, OMS, Banca Mondiale e partner locali. Forniscono supporto al programma la Direzione dello Sviluppo e della Cooperazione (DSC) del Dipartimento federale degli Affari Esteri (DFAE), la Global Environment Facility (GEF) e diversi sponsor.

Viaggio di studio

Dal 12 al 23 novembre 2017 – In un viaggio di 12 giorni vi mostreremo gli aspetti più interessanti del Vietnam, da nord a sud, con l’accompagnamento di Maria Vitagliano, responsabile del programma Medicina sociale di Green Cross Svizzera.

Ultimo comunicato stampa

Green Cross
Schweiz | Suisse | Svizzera
Heinrichstrasse 241
8005 Zürich
Tel. +41 (0)43 499 13 13
Fax +41 (0)43 499 13 14
info@greencross.ch

Spendenkonto Green Cross Schweiz:
PC 80-576-7
IBAN CH02 0900 0000 8000 0576 7