Studi Chernobyl

Conseguenze neuropsicologiche a lungo termine Chernobyl

Oltre all’esposizione alle radiazioni e al rischio di tumori ad esso correlato, la catastrofe nucleare di Chernobyl ha dato origine a diversi fattori di stress acuti e cronici fra la popolazione. Fra questi pregiudizi per la salute figurano in primo luogo effetti psicologici come una condizione di stress psichico persistente, disturbi post-traumatici da stress e riduzione del benessere che, a loro volta, si manifestano in depressione, stati d’ansia e pensieri suicidi.

 

Prendendo in considerazione tutte le combinazioni di esposizione, gli autori dello studio su Chernobyl sono giunti alla conclusione che, fino ad oggi, le conseguenze del disastro hanno colpito circa 10 milioni di persone. I risultati disponibili sulle conseguenze neuropsicologiche a lungo termine prodotte dalla catastrofe nucleare di Chernobyl nei bambini, negli adulti e nei lavoratori indicano la presenza di effetti negativi duraturi.

 

Questo è quanto emerso dallo studio di Green Cross, condotto sotto la direzione del Prof. Jonathan M. Samet, Direttore dell’Istituto per la Salute Globale presso la University of Southern California (USC) in collaborazione con partner locali in Russia, Bielorussia, Ucraina e Repubblica Moldova.

 

Scaricare qui: Report su Chernobyl 2014 in formato PDF (1.0 MB)

 

Scaricare qui: Report su Chernobyl 2013 in formato PDF (9.1 MB)

Green Cross
Schweiz | Suisse | Svizzera
Mühlebachstrasse 32
Postfach 769
8024 Zürich
Tel. +41 (0)43 499 13 23
info@greencross.ch

Spendenkonto Green Cross Schweiz:
PC 80-576-7
IBAN CH02 0900 0000 8000 0576 7